Chi è il Favorito Agli Europei 2024?

14 giugno: manca sempre meno nel countdown che ci accompagna a Euro 2024. Con 24 partecipanti, la manifestazione adotta una filosofia inclusiva e, malgrado tutte le compagini iniziano il viaggio dallo stesso punto di partenza, ci sono delle favorite agli Europei.

Il lotto di candidate al titolo viene ristretto solo ad alcune Nazionali. I favori del pronostico 888sport scommesse li dà ai Tre Leoni.

Dove scommettere sul vincitore degli Europei?

Bookmaker Bonus Recensione Visita
1 100% bonus fino a 500€ real AdmiralBet Recensione Visita
2 100% Fino 300€ + 10€ Free Bet Elabet Scommesse Recensione Visita
3 100% fino a 300€ + 5€ Free Snai Scommesse Recensione Visita
4 50% fino a 200€ Leovegas Sport Recensione Visita
5 Bonus fino a 90€ Starvegas Scommesse Recensione Visita

Qual è la squadra da battere a Euro 2024?

L’Inghilterra pare avere ogni requisito necessario al trionfo. Ed è l’ora di capitalizzare lo stuolo di campioni in rosa. Più il tempo passa, più l’attuale generazione rischia, infatti, di diventare un’eterna incompiuta. Ok, il vivaio dei club di Premier League brulica di talenti, ma finora sono giunte esclusivamente delle delusioni.

Risale al 2021 il rospo più duro da ingoiare, nella finale dell’ultima rassegna continentale, persa ai rigori contro l’Italia. Il momentaneo gol del vantaggio aveva illuso gli uomini di Southgate, prima che Bonucci pareggiasse i conti e Donnarumma ipnotizzasse tre rigoristi.

Ai Mondiali in Qatar è arrivata l’ennesima amarezza, al cospetto della Francia. Per rompere la maledizione, il CT ha a disposizione una rosa di altissimo profilo, che vede come stelle principali Jude Bellingham ed Harry Kane.

Entrambi freschi di trasferimento, rispettivamente al Real Madrid e al Bayern Monaco, hanno avuto un impatto devastante. In particolare, il centrocampista ha stupito tra le fila dei Blancos, un cecchino infallibile in zona goal.

Chi è il Favorito Agli Europei 2024

Chi può sovvertire il pronostico nel Campionato Europeo?

La Francia appare la seconda forza assoluta. Soprattutto il reparto offensivo mette i brividi, dove Didier Deschamps ha l’imbarazzo della scelta. 

L’intoccabile è Mbappé, mentre le altre maglie rimangono disponibili. Resta da capire se il CT prediligerà l’usato sicuro, da Benzema a Griezmann, o tirerà fuori qualche sorpresa dal cilindro.

In terza posizione Snai scommesse inserisce la Germania, complice il favorevole fattore campo. La selezione tedesca è in piena fase di rinnovamento, affidata all’ex tecnico di Bayern Monaco e Lipsia, Julian Nagelsmann.

Mirano a salire in cattedra Jamal Musiala del Bayern Monaco e Florian Wirtz, due classi 2003 già esplosi nei club di appartenenza. Prendersi il proscenio ne valorizzerebbe ulteriormente lo status.

Reduce da un’ottima Nations League, la Spagna sta attraversando un ciclo di rinnovamento totale. A centrocampo vanta due capisaldi del Barcellona, quei Pedri e Gavi, che, sommati tra loro, fanno appena 38 anni all’anagrafe.

Se Pedri è la fantasia, capace di cambiare volto alle partite mediante i suoi lampi di classe cristallina, Gavi costituisce un mix di grinta, tenacia e visione di gioco. Sarà della spedizione Lamine Yamal? In considerazione dell’età verrebbe da rispondere “no”, tuttavia tra le fila blaugrana ha mostrato cose pregevoli accanto a Lewandowski.

Su Betway Sports scommesse, che mette il Portogallo dei senatori CR7-Pepe sullo stesso piano della Spagna, scattano in seconda fila l’Italia e il Belgio. Al contrario degli Azzurri, basati sulla meglio gioventù, per la generazione d’oro del Belgio si tratta di una delle ultime opportunità di comparire nell’albo d’oro di una grande manifestazione.

A dimostrazione di ciò, gli uomini simbolo di centrocampo, Nicolò Barella e Kevin De Bruyne sono divisi da ben sei anni di differenza, classe 1997 il primo, classe 1991 il secondo.

Chi sono le mie favorite di Euro 2024?

A giudicare dagli organici, l’Inghilterra, la Francia, la Germania e la Spagna penso siano le favorite di questi Europei. Lo strapotere fisico e tecnico della Nazionale dei Tre Leoni ne giustificano lo status di pretendente al titolo.

Ma la storia della competizione insegna a tenere aperto ogni scenario: l’exploit della Danimarca nel 1992, della Grecia nel 2004 e (in misura ridotta) dell’Italia nel 2021 ne rappresentano la prova lapalissiana.

Antonio Morricca
Latest posts by Antonio Morricca (see all)